[Recensione] Ci proteggerà la neve di Ruta Sepetys


Buon pomeriggio cari Lettori! Oggi parliamo del nuovo romanzo di Ruta Sepetys che torna in libreria con una meravigliosa storia di speranza.

Ci proteggerà la neve è ambientato durante la Seconda Guerra mondiale e racconta la storia di Joana, Emilia e Florian, e con loro dei tanti che si trovarono a fuggire dalle truppe sovietiche mentre la Germania perdeva la guerra. Joana è un'infermiera lituana, le sue origini tedesche le permettono di scappare mentre i russi invadono la Prussia. Emilia ha solo 15 anni, è polacca e custodisce un grande segreto. Florian è tedesco, prussiano, ed è in fuga insieme ad un oggetto che Hitler stesso desidera. Le loro strade si incrociano in un disperato tentativo di fuga, il loro pensiero è rivolto solo alla sopravvivenza mentre la speranza si fa sempre più debole.

Questo nuovo romanzo di Ruta Sepetys ci conduce alla scoperta di una pagina di storia quasi dimenticata, un episodio che vide la fuga verso il mare di prussiani, lituani e polacchi dalla furia delle truppe sovietiche, una fuga che non significò salvezza.

Joana, Emilia e Florian si incontrano per caso mentre scappano verso la costa, nel corso del romanzo si aiuteranno a vicenda mentre insieme ad altri tenteranno disperatamente di imbarcarsi su una delle navi che li avrebbe condotti lontano dalla Prussia ormai perduta.
Lungo il cammino la rete di segreti e bugie che i personaggi si sono costruiti intorno, andrà pian piano a diramarsi mentre il viaggio che dovrebbe condurli alla salvezza si fa sempre più incerto e pericoloso.

Questo romanzo racconta una storia drammatica molto intensa che si concentra su un episodio storico realmente accaduto che sinceramente non conoscevo. La Sepetys, col suo solito stile elegante, delicato ma allo stesso tempo estremamente coinvolgente, ci trascina negli ultimi anni della guerra quando il potere di Hitler già diminuiva e a farne le spese erano ancora una volta i civili.

La storia si lascia leggere con una facilità disarmante, il romanzo è raccontato dal punto di vista di quattro dei personaggi principali. Questa scelta rende il romanzo quasi corale e permette di avere una visione di insieme delle vicende narrate. I personaggi mi sono piaciuti tutti, partendo dalla forza di Joana fino alla gentilezza che si annida sotto la corazza di Florian, passando per il coraggio di Emilia e la forza di volontà del Poeta.

Ho trovato la storia semplicemente bellissima, realtà e finzione si mescolano non andando però ad alterare lo svolgersi della vicenda così come i libri di storia ce la raccontano. Il romanzo è ricco di pathos, la Sepetys ha la straordinaria capacità di far diventare il lettore parte stessa della storia, di fargli sentire e provare quello che i suoi personaggi provano, è impossibile non provare empatia nei loro riguardi. La disperazione, l'orrore della guerra, la paura, si percepiscono chiaramente, così come la speranza che regna sovrana su tutto.

Romanzo storico e allo stesso tempo resoconto di una vicenda di cui si sa relativamente poco, Ci proteggerà la neve è una storia travolgente, emozionante e profondamente drammatica che vi toccherà il cuore e che non dimenticherete facilmente! Buona lettura!


"Per Aspera ad Astra. Attraverso le difficoltà fino alle stelle." 

Commenti