[Recensione] Il mondo di cenere (Broken Destiny #1) di Jeaniene Frost


BuonGiorno cari #FeniLettori!
Oggi la mia opinione su un libro che mi ha lasciata interdetta. Sinceramente? Mi aspettavo molto di più!


La storia è carina, affascinante e con un ottimo potenziale ma a mio modesto parere, non è stata sfruttata degnamente. La protagonista sembra ridicola, con i suoi modi infantili di porsi nei confronti delle cose. Ogni piccolo particolare sembra futile e giocoso anche il più tragico. Si parla di demoni e del loro mondo, ma non sono riuscita a carpire la crudeltà della storia mi sembra tutto un pò buttato lì.

Il mondo di cenere è scritto in maniera semplice e chiara, veloce ma forse in maniera troppo leggera e molte volte i personaggi risultano frivoli . 

In un mondo di ombre, tutto è possibile, tranne sfuggire al proprio destino. Fin da quando era bambina, Ivy è stata preda di visioni di strani mondi. (e fin qui l'inizio mi sembrava molto promettente) Quando, però, sua sorella Jasmine scompare, Ivy scopre che la verità è ancora più terribile: le sue allucinazioni sono reali e sua sorella è intrappolata in un reame parallelo. L'unica persona che è disposta a crederle è un ragazzo pericolosamente attraente, che per un antico retaggio sarà obbligato a tradirla. Anche se Adrian ha voltato le spalle a chi lo ha cresciuto, non significa che possa cambiare il proprio destino, indipendentemente da quanto si senta spinto verso Ivy. Insieme cercano l'antica reliquia che può salvare Jasmine, ma lui sa qualcosa che lei ignora: ogni passo porta Ivy più vicina alla verità che la riguarda, e a una guerra che può distruggere il mondo. Prima o poi Ivy e Adrian si troveranno su versanti opposti. E in mezzo sarà rimasta solo cenere.

Ho apprezato molto la loro discendenza, di due antiche Stirpi Bibliche, particolare e mai affrontate in un urban-paranormal fantasy. Segni distintivi e affascinanti che vengono scoperti piano piano.

Ciò che non ho apprezzato però è il modo di porsi della protagonista, il suo comportamento a soli pochi giorni dalla tragica morte dei genitori (che poi non sono i veri e propri genitori) e la sua sbandata per questo ragazzo che sembra avere conosciuto solo da pochi giorni, non la capisco proprio.

Invece il personaggio maschile, solito belloccio, è stato improntato in maniera più accurata e elegante. Oscuro e che nasconde qualcosa di molto importante. Il passato e il presente si confondono. L'Angelo arriva sempre in ritardo ma ha un suo fascino. Pieno di passione, suspence e azione! Buona Lettura.

Commenti

Posta un commento