[Recensione] L'ora di lettura di Carole Lanham


Buon Sabato #FeniLettori! Siete al mare o in montagna? Io ancora a casa, vari problemi e vicissitudini per ora mi bloccano qui!

Oggi parliamo di un romanzo particolare, con il quale ho riscontrato un certo conflitto.

L'ora di lettura è una storia intensa e forte, vissuta in un altra epoca. Siamo in Mississippi nel 1920 quando Hadley Crumley un bambino mulatto e la madre nera vengono presi al serzio dalla famiglia Browning. Lì incontra Lucinda, figlia del padrone di casa, che ha perso la madre in giovane età. Viziata, ricca e turbolenta, Lucinda non è la solita bambina ma si affeziona (a suo modo) a Hadley, che le concede di fare ciò che desidera. Così inizia la loro avventura, nella lettura di libri proibiti...

Ho trovato i personaggi descritti con tratti lievi, con un carattere forte, specialmente quello di Lucinda che sembra in un primo tempo oppressa dalla sua stessa ricchezza, dalle regole e dalla famiglia e fa tutto ciò per sviare l'imposizione ma leggendo oltre, si denota il carattere irruento ed egoista della ragazza. Un carattere particolare che a modo suo non disdegna Hadley che è mulatto e per molti nè carne, nè pesce. Bistrattato per il colore della pelle come molte persone di colore, lui lo è ancora di più perchè non può stare nè da una parte nè da un altra, nè scegliere una donna nera, nè una bianca.


La storia si snoda bene, si scoglie come un fiocco ben stretto. Hadley facendo parte della servitù esegue i comandi di Lucinda fino alla fine. Ingiurie, violenze e morsi vengono inflitti al povero servitore mulatto. Lucinda ha un carattere egoista e altezzoso, non pensa che solo a se stessa e al mondo che potrebbe sgretolarsi fra le mani. Odia addirittura sua figlia, anche se a suo modo da dei privilegi a Hadley, tenendolo incatenato ancora di più. Si appoggia a lui in una maniera inconsueta e frastornante, redendendolo la sua via di fuga. Facendolo perdere per non ritrovarsi mai più.

Una storia dai colori intensi, una storia di passione, di imposizione e di supremazia sul più debole. Lucinda è una vera iena! Da leggere all'ora del Tè per relazionarsi meglio con le persone. Buona Lettura!


Erano bugie bianche sotto forma di fiori, ma a Lucinda piaceva cullarsi nell'illusione di essere raffinata e virtuosa.

Commenti

Posta un commento