[Recensione] Il Natale di Marguerite di India Desjardins e Pascal Blanchet


Buongiorno miei cari!! Siamo in tema natalizio; Dicembre porta odori e sapori d'amore...biscotti allo zenzero, ciambelle glassate, lucine colorate e alberi verdi. Non sono però qui a parlarvi del Natale ma di un libro che mi ha colpito! L'ho messo anche fra i miei e-book preferiti di ieri.

Ebbene parliamo di "Il Natale di Marguerite", scritto da India Desjardins e illustrato da Pascal Blanchet, famosi per aver redatto/disegnato tanti altri romanzi della Disney e altre case ed.

La prima cosa che mi ha affascinato di questo volume è stata la copertina e la storia: triste, decisa e solitaria che trascinava con sè. Non è un fumetto ma una piccola storia di Natale, perfetta per queste feste...

Dal sapore agro-dolce ha saputo lasciare nel mio cuore un senso di libertà e fantasia. Parla di Marguerite, una dolce vecchina che ormai a ottantadue anni non ha più la voglia, ne la forza di uscire di casa, forse la sua voglia di libertà e leggerezza si è appesantita con gli anni. Ha due figli e nipoti ma loro hanno le loro vite e lei vive sola, lasciandoli liberi di vivere le loro esistenze; Marguerite ha paura...ha paura di morire ed è per questa ragione che non esce di casa.

Una storia tanto dolce da lasciare una scia di lucine colorate e sapore di pan di zucchero nell'aria. Un racconto seppure breve, con una metafora fondamentale per lo scorrere del tempo, per la vecchiaia e la solitudine. Ci imbruttiamo diventiamo più arcigni, più cattivi, più deboli e soprattutto più impauriti di qualcosa che non conosciamo. I giorni trascorrono senza nemmeno accorgercene e noi diventiamo sempre più vecchi, le ore si trascinano leggere come un ticchettio indefinito...


Ciò che mi ha colpito è stata la bellezza della storia, si potrà dire che è corta, piccola e compatta ma porta con sè tanto amore e senso di libertà che lascia spiazzati e ammirati. Questo meraviglioso volume che ci dona la voglia di fare e ricominciare anche in tarda età ci fa capire tante piccole virtù, ci fa sognare e ci regala un attimo infinito di sensibilità. 
Un enorme complimento va alla Casa Editrice Bao Publishing che non solo pubblica libri di grande valore, tutti sono ben fatti, curati nei minimi particolari, il sapore della carta si sente fra le dita, un pò come quei vecchi volumi che ti aspetti che da un momento all'altro si trasformino in qualcosa e ti portino inesorabilmente con sé. Ormai non ci sono regole, ne vigore, viene pubblicato di tutto e quasi a costi irrisori, per poter vendere ma un buon libro si vede, si sente e si ammira. Così la Bao ci regala piccoli pezzi di arte, iniziando dai disegni che sono esclusivi, come in questo racconto dove i volti non sono ben definiti, l'unico indistinto è quello di Marguerite, fondamentale per l'evolversi della storia è d'altronde la padrona indiscussa è lei, lei che cerca di superare le sue paure...


Un volume unico nel suo genere per la raffinatezza e l'accortezza di ogni pagina a iniziare dalla copertina rigida, da regalare sicuramente questo Natale e tenere come una gioiello antico, in bella mostra nella vostra libreria.

Una storia, solubile che si scioglie lentamente e si dipana nel cuore riempiendolo d'amore!



Commenti