17 febbraio 2017

[Recensione] Ekhö. Mondo specchio. Hollywood - Barcellona (Ekhö Monde Miroir, #3 e #4) di Christophe Arleston e Alessandro Barbucci



Buon pomeriggio cari #FeniLettori, in questi giorni sono un pò apatica, per una serie di cose ma spero di ritrovare la verve che mi ha abbandonato già da un pò. 

Oggi parliamo di questa meravigliosa Graphic Novel, dai colori sgargianti e dai disegni favolosi! La storia è quella di Formicola Grattuglia una bellissima ragazza che viene impossessata dagli spiriti di creature morte di recente. Formicola e Yuri vengono catapultati (nel primo volume) in un mondo tutto ambiguo e dai toni completamente opposti alla terra, il loro aereo precipita e come in un sogno si ritrovano qui in questo luogo alquanto strambo e circospetto.

Yuri uno scienziato si ritrova per sua sfortuna e involontariamente catapultato su Ekhö, un mondo speculare alla terra. Ci sono le nostre città, i nostri paesi, ma leggermente diversi. Non c'è elettricità, i draghi sostituiscono gli aerei di linea, i vagoni della metropolitana sono sul dorso di grandi millepiedi.

Ciò che si attaccherà a loro sarà una specie di animaletto con le orecchie di piccole dimensioni, un Preshaun che, a dispetto dell'aria dolce e coccolosa ha nascosto in sè qualcosa di grottesco. Inoltre non ci sarà lui ma molti altri Pashaun che sorseggiano tè, tanto, tantissimo Tè! (Si li amo di già!)

In questo episodio vediamo i nostri protagonisti a Hollywood nei panni di un'agenzia che assolda attori, qui una grande attrice famosa verrà trovata morta e i nostri eroi dovranno svelare il mistero.

Nel secondo episodio invece ci troviamo a Barcellona e Formicola verrà impossessata da un gatto (si avete capito bene da un gatto) e ci sarà da ridere osservandola nei panni di un animale. Un mistero dentro al mistero perchè la sua amica verrà rinchiusa in galera e loro dovranno scagionarla.
Adoro, adoro, adorooo questo fumetto, me ne sono totalmente innamorata. Non avendo letto il primo volume sono andata a recuperare le notizie e vi dico che ben presto sarà mio!

Oltre ogni regola ci troviamo in un mondo inventato, tutto dai toni avventurosi e geniali. I disegni di Barbucci sono spettacolari e pregni di piccoli particolari, tavole in cui ti perdi ad ammirare tutte le stravaganze e i personaggi.


Non c'è che dire, questa storia è davvero straordinaria! Vorrei anche io ritrovarmi su Ekhö!


Nessun commento:

Posta un commento