[Recensione] Lussuria di Emiliano Fittipaldi


Salve a tutti cari lettori! Il libro che mi accingo a proporvi quest’oggi entra di dirittonell’olimpo delle opere più interessanti che abbia mai letto. 

L’opera in questione è “Lussuria” del giornalista dell’Espresso Emiliano Fittipaldi, uno dei cinque imputati nel processo di Vatileaks 2.0 a causa di documenti trapelati dalla Pontifica commissione sulle finanze vaticane.

Una nuova inchiesta sui peccati della Chiesa; dopo “Avarizia” in cui narrava le spropositate ricchezze della Chiesa, in questo reportage si parla di preti pedofili. In Australia, Messico ma anche in Italia sarebbero centinaia i casi di violenza che il clero, anche ad altissimi livelli, sta coprendo concolpevole silenzio. Vengono narrati con assoluta semplicità storie di alti prelati accusati di abusi su minori. Nelle varia pagine del libro vengono riportate immagini di documenti ufficiali che permettono al lettore di analizzare e conoscere ancor meglio l’episodio che si sta denunciando.

Fittipaldi nella sua “Lussuria” racconta (per citarne alcune) la storia del cardinale George Pell, lo scandalo in Cile di Fernando Karadima, il più noto prete pedofilo di quel paese e narra la vicenda di Lawrence Murphy, un prete americano che si ritiene abbia molestato circa 200 ragazzi in una scuola per sordi fino a metà degli anni 1970. La Chiesa si difende dichiarando che il cattolicesimo ha fatto progressi enormi negli ultimi dieci anni e mezzo; vaste risorse sono state investite nello sviluppo di programmi di prevenzione degli abusi. Decine di abusatori sono stati estromessi dal sacerdozio, più di 400 nel corso dell’ultimo anno del solo pontificato di Benedetto XVI.

Le diocesi in molte parti del mondo hanno adottato severe politiche di “tolleranza zero”. Fittipaldi sostiene che la nuova Pontificia Commissione per la Tutela dei Minori creata da Papa Francesco è una farsa, scrivendo che ha fatto “poco o nulla”. Gli abusi e le violenze sono un tema cruciale di questo secolo. Fortunatamente ancora oggi esistono giornalisti d’inchiesta che hanno il coraggio di denunciare.

Consiglio assolutamente l’opera “Lussuria”, un reportage completo e corposo che permette al lettore, con le sue 200 pagine, di avere una conoscenza maggiore del sistema adottato dalla chiesa per nascondere e non far emergere abusi che avrebbero potuto troncare la sua credibilità. Queste ed altre sono opere da leggere e da divulgare affinchè la Chiesa anche attraverso la spinta dei suoi fedeli possa avere il coraggio di denunciare apertamente questi soggetti che hanno come compito principale quello di diffondere la parola di Dio.


Buona lettura, alla prossima scoperta!

Commenti