6 aprile 2017

[Anteprime Piemme] La donna che cancellava i ricordi di Brian Freeman - Dopo, tutto è più dolce di Camilla Dell'Orto Necchi - Caterina della notte di Sabina Minardi - La piccola libreria sull Senna di Rebecca Raisin - L'amante alchimista di Isabella Della Spina


Pagine: 350  Prezzo: € 18,50
Data di uscita: 4 Aprile 2017
Che se ne pensi bene o male, la dottoressa Stein fa parlare di sé a San Francisco. Dopo anni di ricerca, ha sviluppato un controverso metodo di ipnosi in grado di cancellare il ricordo di eventi traumatici, ricostruendoli in modo da “diminuire” il coinvolgimento del soggetto. Non tutti ci credono; tra i più scettici il detective della Omicidi Frost Easton – che spesso si ritrova a dover collaborare con la dottoressa in tribunale. Frost è un uomo con un passato ingombrante, che ha imparato a sue spese che non esistono i miracoli. E nemmeno le coincidenze. E infatti, quando una serie di donne ritrovate morte in zone diverse della città vengono identificate tutte come ex pazienti della dottoressa Stein, Frost sa che dovrà partire da lei per capire chi si nasconde dietro gli omicidi. Se vogliono fermare il serial killer che sta terrorizzando la città del Golden Gate, Stein e Frost dovranno così navigare, insieme, le acque burrascose di un’indagine sempre più intricata, imparando ad apprezzarsi a vicenda. Mentre il killer continua a colpire: chi sarà la prossima vittima? 
Brian Freeman, autore amatissimo anche in Italia, dove ha avuto Giorgio Faletti tra i suoi principali ammiratori, è uno dei maggiori autori americani di thriller, tradotto in 46 Paesi. In Italia è pubblicato da Piemme, fin dal suo thriller d’esordio, Immoral (2006), che ha vinto il Macavity Award come migliore opera prima. Con Il veleno del sangue (2013) Freeman ha vinto gli International Thriller Awards per il miglior romanzo dell’anno. Tra i thriller più recenti, La ragazza di pietra (2014) e Ai morti non dire addio (2016). Con La donna che cancellava i ricordi, Freeman inaugura una nuova serie, con un nuovo eccezionale protagonista, lo scettico e tormentato detective Frost Easton. Vive in Minnesota con la moglie.

Pagine: 336  Prezzo: € 18,50
Data di uscita: 11 Aprile 2017
Bastano pochi giorni per trasformare una vita. Quella di Betta Bennett, da sempre dedita al lavoro di stylist, cambia all’improvviso, nel giorno in cui viene licenziata in tronco dalla rivista di moda per la quale lavora da anni. A ruota anche le altre  testate con cui collaborava e sulle quali aveva sempre contato le danno il benservito e, da improvvida cicala quale è sempre stata, si trova inaspettatamente sul lastrico. Con il lauto stipendio, se ne vanno l’appartamento in centro a Milano, gli inviti esclusivi, la sfilate, le feste e le indimenticabili vacanze a Formentera. Tutto ciò che Betta si era guadagnata con fatica. Tutto ciò che la rendeva felice. O almeno così pensava. È un po’ per caso e un po’ per necessità, quindi, che decide di provare a realizzare un sogno di sempre: una piccola società di catering, che non fornisca solo cibo, ma che esaudisca i desideri delle persone. La filosofia di +DOLCE è semplice e lontana da tutto ciò che è business e ostentazione: il bello e il buono si possono fare con poco e, “con il cuore”, vengono ancora meglio. Ad accompagnarla nel viaggio, Tito, un socio e ex-velista tanto disorganizzato quanto affascinante, una ciurma di camerieri improvvisati e dal cuore gentile, qualche amica generosa e un avvocato ostile e freddo come il ghiaccio (che ricorda, anche nel nome, l’indimenticabile Mr. Darcy). Tra successi e delusioni, scenografie fantasiose e piatti squisiti, Betta riuscirà a trovare la vera se stessa.
Camilla Dell'Orto Necchi  vive a Milano, dove la più grave crisi economica (dopo quella del 1929) di sempre l'ha sorpresa e travolta, tra una festa della moda e un cocktail alla Triennale. Fortunatamente si è sempre divertita ad apparecchiare sogni sulle tavole dei suoi amici, talento del quale è riuscita a fare una professione.
Pagine: 384  Prezzo: € 18,50
Data di uscita: 18 Aprile 2017
Catherine ha quarant’anni e un forte senso di vuoto dentro. Forse per colpa di David, l’uomo che ha accanto, ma che da tempo non sente più vicino; o forse è la convivenza con il padre – da sempre per lei madre e padre insieme – che è diventata troppo ingombrante. Per questo, il giorno in cui le viene recapitato un manoscritto sulla scrivania dell’ufficio, Catherine si lascia completamente travolgere dalla lettura. Quella che scorre tra le pagine è una storia antica, ambientata nella Siena dov’è nata ma che non ha mai più visto. Ed è scritta in italiano, la lingua madre di cui serba un ricordo sfocato. Protagonista una santa che porta il suo nome, Caterina. A narrare è una donna che nel 1380 vive nello Spedale di Santa Maria della Scala, luogo di cura dei malati e di assistenza per i “gettatelli”, rifugio di viandanti e pellegrini lungo la Via Francigena. Un ospedale, sorto intorno all’anno Mille, crocevia di culture diverse ed emblema di convivenza tra laici e religiosi, tra ricchi, poveri, artisti, gente in cammino: uomini e donne che deviano dalla loro strada, in cerca di sé. In quel luogo straripante di vita, la donna è costretta a non vedere mai la luce del giorno, per una colpa segreta che porta fin dalla nascita. Tra quelle pagine oscure e appassionanti, Catherine trova qualcosa che la spinge verso la sua città natale e verso la madre, morta quando lei era bambina, e della quale nessuno parla mai. Seguendo il racconto di Giovanna, quelle vite così lontane si fanno sempre più vicine. E, scoprendo il segreto che lega Giovanna allo Spedale e a santa Caterina, Catherine riuscirà a svelare i misteri del suo passato e a ritrovare se stessa.
Sabina Minardi, è nata a Catania e vive a Roma. Caposervizio del settimanale L’Espresso, scrive di cultura e società e cura la sezione Visioni. ‘Bookmarks’ è il suo blog sui libri. Sposata, ha due figlie.
Pagine: 312  Prezzo: € 19,50
Data di uscita: 18 Aprile 2017
Sarah vive in una cittadina del Connecticut, dove gestisce una deliziosa e accogliente piccola libreria, con tanti libri e purtroppo sempre meno clienti. Gestisce anche la faticosa relazione a distanza con un fidanzato reporter che non c’è quasi mai. Sophie, invece, vive a Parigi; ha un’incantevole libreria chiamata C’era una volta, ed è appena tornata single.  Un giorno, Sarah e Sophie si incontrano virtualmente su un blog di libraie. Ben presto nasce un’amicizia, e con l’amicizia un’idea: scambiarsi le case, e le librerie, per sei mesi. Un’opportunità irresistibile per Sarah, una nuova magica città, che la accoglie con i suoi colorati quartieri, le stradine e i ristoranti, e un lavoro che conosce bene – per cui anzi ritroverà la passione, affezionandosi agli strambi e teneri clienti di Sophie... Un delizioso romanzo femminile, pieno di romanticismo e ottimismo, per chiunque ami Parigi.
Rebecca Raisin è una vera bibliofila. Il suo amore per i libri e la lettura si è presto trasformato nel desiderio di scrivere. Ha esordito con racconti pubblicati in antologie o su riviste, mentre ora si dedica ai romanzi femminili. La piccola libreria sulla Senna è il primo di una serie ambientata a Parigi.
Pagine: 420  Prezzo: € 18,50
Data di uscita: 24 Aprile 2017
1527. Alla vigilia del sacco di Roma, Isabella d’Este apre le porte del suo palazzo ad aristocratici e notabili per dare loro riparo, ma consegna alle truppe pontificie una delle sue ospiti: la magista Margherida de’ Tolomei, sacrificata in cambio della berretta cardinalizia per il figlio minore. Papa Clemente VII ha posto quell’unica condizione, e Isabella non ha avuto scampo, anche se Margherida è stata per lei in passato più che un’amica. Così la donna, avanti negli anni, viene condotta in ceppi a Castel Sant’Angelo e rinchiusa in una cella angusta con due giovani, sospettate di stregoneria, in attesa di conferire con il Papa in persona. Mentre le truppe imperiali e i Lanzichenecchi, seguaci di Lutero, mettono a ferro e fuoco la città, Margherida ripercorre con nuovo sguardo la sua esistenza. Figlia del dotto Cornelio, profonda conoscitrice del potere delle erbe, degli influssi astrali e dell’animo umano, dedita all’arte alchemica, ha sempre cercato il segreto della conoscenza e dell’infinito; forse è questo che il papa, nipote di Lorenzo il Magnifico, vuole ottenere da lei? Ricordi, domande, dubbi, inquietudini si affollano nella sua mente: l’amicizia con Caterina Sforza e con le donne più affascinanti e potenti del suo tempo, l’iniziazione all’alchimia, le corti italiane raffinate e corrotte, il sangue delle congiure, la violenza della ragion di stato, il tormentato amore per il giovane conte Pico della Mirandola, il piacere dei sensi, le aspirazioni dell’intelletto, il dolore che piega il corpo. Una vita piena, la sua; una vita che ora deve difendere con tutta se stessa senza svelarne i segreti.
Isabella Della Spina è il nom de plume di due autrici: Sonia Raule e Daniela Ceselli:

Sonia Raule, una passione per tutti i linguaggi contemporanei, autrice e conduttrice televisiva, è stata anche impegnata nella produzione di film d’autore. Nel 2011 ha scritto con il regista armeno Vasken Barberian Come sabbia nel vento (Sperling & Kupfer). Sposata, ha due figli.

Daniela Ceselli, studiosa di cinema, insegna Teorie e tecniche della sceneggiatura presso l’università La Sapienza di Roma. Ha scritto saggi sul cinema inglese e la scrittura cinematografica. Ha pubblicato il libro La sceneggiatura. Un testo dall’esistenza incerta. Dal 2011 collabora con il settimanale Left. È nata e vive a Roma.

Nessun commento:

Posta un commento