2 aprile 2017

[Recensione in anteprima] Caro TU. Lettere segrete mai spedite di Emily Trunko


Buongiorno lettori.
Buona domenica e buon fine settimana!
La piattaforma digitale da un paio di anni a questa parte ha molto influenzato l'editoria e di conseguenza i libri.
La maggior parte delle volte è stata un'influenza negativa.
Sono felice di annunciarvi, però, che questo libro ha subito tutto tranne che un'influenza negativa.
Curiosi?
"Una raccolta di lettere romantiche, strappalacrime, divertenti, struggenti con una caratteristiche comune: tutte hanno un destinatario che però non le ha mai ricevute. Chi le ha scritte, insomma, non ha mai avuto il coraggio di premere sul tasto INVIO. A raccoglierle ci ha pensato una 15enne americana - Emily Trunko - in un blog che in pochi mesi ha raccolto migliaia di lettere. Tutti i colori delle emozioni: cuori spezzati, cotte segrete, sentimenti inconfessabili e lettere scritte a se stessi, dal passato e dal futuro."
Titolo: Caro TU. Lettere segrete mai spedite.
Autrice: Emily Trunko
Data di pubblicazione: 4 Aprile 2017
Editore: DeAgostini
Collana: Il grillo parlante
Prezzo: 14,90
Pagine: 224

Emily Trunko, un'adolescente americana,ha aperto un blog su Tumblr (se volete visitarlo cliccate qui) per dare voce a tutte quelle lettere e a quei messaggi mai inviati per paura, per rabbia, per vergogna...
Emily,come dirà lei stessa nel libro, aveva aperto il blog senza nessuna aspettativa e nel giro di poco tempo, senza  che se ne accorgesse, "Dear my Blank" era diventato un progetto molto più grande di quanto pensasse.
Nel giro di pochi mesi, infatti, era diventata la custode di migliaia di lettere.

"Quello che all'inizio era solo un progettino, rapidamente si era trasformato in un incredibile contenitore di innumerevoli emozioni umane, in un mix digitale di delusioni, cuori spezzati, speranze e nuovi amori. C'erano lettere ai familiari, agli innamorati, agli ex, agli amici, agli insegnanti, alle celebrità, ai conoscenti".

Questi messaggi sono raccolti all'interno di questo libro, decorati dalle carinissime illustrazioni di Lisa  Congdon.
Alcuni messaggi sono proprio un colpo al cuore, ti immedesimi così tanto che poi è dura cambiare pagina.

Alcuni mittenti sono persino stati risposti dai loro destinatari. 
L'autrice stessa ha conosciuto il suo attuale ragazzo grazie a questo blog.

E' molto interessante come le persone riescano a tirare il meglio e il peggio di loro in un messaggio.
Ho letto messaggi dolci, messaggi ricchi di risentimento, di angoscia, di mancanza... Insomma, pieni di sentimenti così contrastanti da farmi riflettere.

In conclusione, è un libro originale, nulla di impegnativo ovvio, si legge in un giorno praticamente.
Diciamo che se volete fare una lettura leggera e volete un po' rilassarvi fra una lettura e l'altra questo libro non è niente male.

Inoltre, credo che la canzone che meglio descriva questo libro sia Infinite di Arshad.
"Magari non ho paura delle folle. O del buio. O degli spazi stretti. Ma ho paura.
Ho paura delle responsabilità; di non essere all'altezza delle aspettative, del futuro che cambia, di crescere, di non sapere nulla, del sesso, delle relazioni, delle difficoltà, dei segreti, dei voti, del giudizio, di non essere abbastanza, della solitudine, del cambiamento, della confusione, dei litigi, della curiosità, dell'amore, dell'odio, della perdita, della pressione, delle differenze, dell'onestà, delle bugie.
Ho paura di me."


Nessun commento:

Posta un commento