[Recensione] La figlia del mercante di seta di Dinah Jefferies


Buona giornata cari Lettori e buon inizio settimana! Oggi parliamo di una delle ultime uscite targate Newton Compton. 

La figlia del mercante di seta è un romanzo molto affascinante ambientato nel Vietnam degli anni '50. La protagonista della storia è Nicole, giovane donna franco-vietnamita, che si ritrova a vivere in un periodo particolare della storia del Vietnam. Ci troviamo tra il 1952 e il 1955, il Vietnam sta cercando di liberarsi della dominazione francese, in quel periodo avere sangue misto non era semplice. Per Nicole lo è ancora meno data la delicata situazione familiare che vive. Dopo la morte della madre, Nicole ha sempre vissuto col padre e la sorella maggiore Sylvie, entrambi l'hanno fatta sempre sentire una sconosciuta nella sua stessa casa. Quando Sylvie diventa la responsabile degli affari di famiglia, a Nicole viene affidata solamente la gestione di un piccolo negozio di seta nel quartiere vietnamita. Sarà proprio quello il punto di partenza per permetterle di abbracciare le sue origini vietnamite e a segnare l'inizio di una nuova parte della sua vita.
Immagine correlata
Il nuovo romanzo di Dinah Jefferies è una bellissima storia familiare sullo sfondo di un Vietnam che si trova ad affrontare uno dei suoi momenti storici più delicati.
Nicole è solo una ragazzina ribelle che vorrebbe sentirsi davvero parte della sua piccola famiglia, ma l'indifferenza del padre e la presenza quasi oppressiva della sorella, esempio di perfezione a cui lei non riesce mai ad avvicinarsi, non le permettono di poter essere sè stessa. Quando le viene affidata la gestione di un piccolo e vecchio negozio di sete nel quartiere vietnamita di Hanoi, Nicole entra per la prima volta in diretto contatto con la sua parte vietnamita.

Nello stesso periodo conosce Mark, un commerciante di sete americano che in realtà nasconde molti segreti. L'incontro con Mark da un lato e quello con un giovane vietminh dall'altro, portano Nicole a interrogarsi su quale sia la sua vera identità.
Con uno stile elegante, scorrevole e molto descrittivo, la Jefferies ci trasporta in un Vietnam dalle ambientazioni quanto mai esotiche e affascinanti. La narrazione ha un bel ritmo, il romanzo si lascia leggere molto velocemente e riesce a catturare il lettore e a fargli vivere la storia.

Il percorso che Nicole compie è un percorso molto interessante e va di pari passo con le trasformazioni che vedono protagonista la società vietnamita. Si tratta di una storia familiare su sfondo storico, le interazioni tra Nicole e i suoi familiari insieme al loro coinvolgimento nei cambiamenti del Vietnam, costituiscono gran parte della storia. C'è anche una storia d'amore che, pur essendo molto bella, non costituisce la totalità del romanzo. Mi è piaciuta moltissimo l'ambientazione di questa storia, si nota il lavoro di ricerca che l'autrice ha svolto, leggendo sembrava quasi di vedere i paesaggi vietnamiti!

Una bella storia che parla di legami familiari e di amore sullo sfondo della lotta vietnamita contro i francesi. Buona lettura! 

Commenti