[Recensione] Il segreto delle gemelle (Fairy Oak #1) di Elisabetta Gnone


Buongiorno miei cari! Oggi parliamo di un libro fatato e stregato!

Pochi giorni fa il primo volume della trilogia Fairy Oak "Il segreto delle Gemelle" è stato ripubblicato in nuova e rinnovata veste grafica dalla Salani. Avendo sempre io amato questo mondo ho deciso di leggerlo (anzi ri-leggerlo) e mi sono trovata davvero in una atmosfera intensa, piena di calori, odori, sensazioni.

La storia inizia con l'arrivo di una piccola fata-tata Felì a casa della strega Tomelilla, nella Vallata di Verdepiano, per la nascita delle nipotine Pervinca e Vaniglia. Due ragazzine molto diverse fra loro. Che con l'andare degli anni si riveleranno opposte sotto svariati aspetti.

La storia scorre veloce, serrata e con un ritmo deciso. La fatina ha il suo linguaggio come tutti gli altri personaggi del piccolo paesino dove convivono magici e non-magici. Tutto appare tranquillo fin quando il male non viene a turbare la quiete del villaggio e  i suoi abitanti.

Ogni protagonista è descritto in maniera uniforme e varia, ognuno con i propri pregi e difetti, sia fisici che caratteriali. Le bambine sono le vere protagoniste come le loro amiche. Un libro pregno di particolari e tanti piccoli gingilli come ogni libro per ragazzi dovrebbe essere.
Tanti disegni, creati con cura vanno ad impreziosire il testo e lo rendono meraviglioso, un piccolo gioiello con tante pietre preziose. Tutta la gerarchia viene descritta sapientemente dall'abilissima autrice Elisabetta Gnone, maestre di storie per ragazzi.

Un racconto magico che ti catapulta in un villaggio fiorito e antico perso fra le pieghe del tempo. Odore di cannella, di spezie e prati verdi e fioriti sono racchiusi in queste pagine. Una fiaba tutta da leggere e ammirare, con i suoi piccoli tocchi di eleganza e spensieratezza...

Da oltre mille anni a mezzanotte precisa, nelle case di Fairy Oak avviene un fatto magico: minuscole fate luminose raccontano storie di bambini a streghe dagli occhi buoni, emozionate e attente

Commenti