[Movie Review] Lullaby



Buon pomeriggio e buona domenica cari Lettori! Oggi voglio parlarvi di un altro film che ho visto questa settimana, sempre in lingua originale!
Jonathan, da tempo lontano dalla famiglia, scopre che il padre Robert, malato da più di dieci anni, ha deciso di praticare l'eutanasia entro 48 ore. Quello che seguirà sarà un inaspettato viaggio attraverso l'amore, le risate e il perdono.

Ho visto Lullaby un paio di sere fa attirata dal trailer. La storia che racconta parla di un argomento difficile e molto dibattuto: il diritto al suicidio assistito.
Il padre del protagonista è malato da 12 anni, ha un cancro particolarmente aggressivo che nessuna terapia è riuscito a fermare. Da tempo passa la sua vita inchiodato in un letto d'ospedale e per questo ha deciso di farla finita.

Quest'improvvisa decisione richiama a casa i due figli: Karen, giovane e brillante studentessa di legge, e Jonathan, il figlio maggiore partito anni prima per inseguire il sogno di diventare musicista e mai tornato a casa.
Entrambi si ritrovano confusi, arrabbiati e amareggiati di fronte alla scelta del padre. Hanno solo 48 ore per metabolizzare e dire addio per sempre al padre.

La pellicola segue le ultime 48 ore di vita di Robert e il modo in cui la sua decisione influisce su ogni componente della sua famiglia, principalmente su Jonathan, il figlio ribelle e scapestrato.
Ci sono vari flashback che ci aiutano a comprendere meglio le dinamiche della famiglia, anche i momenti più difficili e dolorosi, ma tutto viene trattato in maniera molto delicata.

Mi è piaciuto molto il modo in cui viene affrontato l'argomento dell'eutanasia, viene dato spazio sia al dolore di chi ha fatto questa scelta, in questo caso Robert, un dolore che dura da anni e che non ha soluzione, sia al dolore di chi resta e che non riesce ad accettare una decisione così brusca.
Ho trovato il film struggente ed emozionante. Non vi dico quante lacrime ho versato!

Gli attori sono stati bravissimi nel rendere appieno le emozioni provate. Un Garrett Hedlund più espressivo del solito e un eccezionale Richard Jenkins, interprete di Robert, che bloccato in un letto riesce però a trasmettere moltissimo solo con lo sguardo!
Viene raccontata la storia di una famiglia che è stata segnata da un malattia, c'è dolore, rimpianto ma anche perdono e un profondo e viscerale amore che la fa da padrone!

Lullaby è una storia sicuramente dolorosa e molto triste ma che mi ha completamente travolta! Se masticate un po' di inglese vi consiglio di guardarlo direttamente in lingua originale visto che a quanto pare non è approdato in Italia.

Buona visione e alla prossima!

Commenti