[Recensione] La ricetta segreta per un sogno di Valentina Cebeni


Buongiorno miei cari #FeniLettori! Descrivere un bel libro non è mai semplice. Raccontare tutti i profumi che si sprigionano da questo testo è la cosa più difficile che abbia mai fatto. Quando vi dico che ogni libro ha un sapore è proprio a questo che mi riferisco, questo libro La ricetta segreta per un sogno è un libro pregno di sapori e odori. Lo so, direte: "ma questa è pazza come fa a sentire gli odori e i sapori attraverso un libro?" Credetemi si può... 

Non conoscevo Valentina Cebeni, non ho letto nulla di suo fin'ora e ringrazio la Casa ed. Garzanti che ha pubblicato questo piccolo capolavoro. Un testo pieno d'amore, sensazioni, sentimenti persi e poi ritrovati in una terra straniera, in una terra in cui le origini chiamano a gran voce il nome di Elettra la protagonista. Una terra divenuta arida di sentimenti, pregna di brutti ricordi del passato, spaccata da un qualcosa che è successo tanto tempo fa; molte volte i dolori si accumulano e così in questa storia viviamo le vicende di dolori che si sovrappongono e si unificano in un grido di dolore.

La storia scorre lineare, con parole semplici e leggere. Elettra (la protagonista) sopraffatta dal dolore, non riesce più a vivere, sua madre è entrata in coma e non si è più risvegliata. Medicine, ospedali, sofferenza, notti insonni l'hanno portata a un vero martirio, l'hanno portata alla distruzione dell'animo e dello spirito. Lei, sua madre che aveva cucinato per lei con amore e devozione, che non l'aveva mai accettata del tutto a causa del suo passato. Ora cosa rimane? Niente. Il destino però molte volte ci spinge verso strade sicure e Elettra seguirà la strada nelle origini dove sua madre tanti anni prima aveva vissuto. Un convento, delle donne, i sapori e le storie si fondano in un unico grande amore.

In questa storia che si contorce, si arrovella di speranza e lascia i vecchi rancori da parte, fa riscoprire a Elettra e le sue amiche un nuovo modo di vivere. Una nuova terra dove poter vivere, scacciate, bistrattate e trattate come la peste da tutti gli altri , troveranno il loro posto.

Un libro che ti toglie l'anima e la rimette al posto giusto. Un libro che ti avvolge e ti riscalda. Un libro che ama la felicità. Potrei stare qui a raccontarvi di esso ancora e ancora. Potrei raccontarvi di tutti i personaggi, curati in maniera minuziosa, ognuno con la propria sofferenza perché si parla di donne, uomini, violenza, amicizia, amore, bellezza per la cucina e passione ...quella vera, quella che non dovrebbe mai mancare in nessuna cosa che si fa; la passione è la molla che ci spinge a fare bene a rendere ogni cosa perfetta.

Una vita perfetta non esiste, esiste l'attimo di felicità in cui ci avvolgiamo. Un amore perfetto non esiste, esiste l'istante in cui ci innamoriamo. Una madre perfetta non c'è ma c'è l'amore della nascita. Una donna perfetta come un uomo non esiste ma ci sono i lati positivi di ognuno. Ci sono terre che sono più dure di altre ma ci sono origini che vivono. Ci sono occhi, cuori e battiti e sono quelli che ci racconta Valentina Cebeni in questo libro, una scrittrice con una penna delicata e dolce. 

Le madri rappresentano un autentico pilastro, la memoria storica della nostra anima. Non credo che esista qualcosa di più sacro dell'amore che lega una madre al proprio figlio.

Commenti

Posta un commento