[Recensione] La notte che ho dipinto il cielo di Estelle Laure


Buona giornata cari Lettori! Oggi finalmente posso parlarvi di questo romanzo che ho letto in anteprima un po' di tempo fa...

La notte che ho dipinto il cielo è una storia che parla di amore, non solo l'amore romantico ma anche e sopratutto l'amore che lega due sorelle, due amiche e quell'amore incondizionato che nasce dal bisogno.
Lucille ha solo diciassette anni ma già tante responsabilità. Un padre assente impazzito improvvisamente e una madre che non è riuscita a sostenere il colpo ed è crollata lasciando le figlie a sè stesse. Adesso Lucille deve prendersi cura della sorellina Wrenny, deve trovare il modo di guadagnare i soldi per pagare le bollette e comprare da mangiare, deve continuare ad andare a scuola e non deve assolutamente destare sospetti nei vicini altrimenti rischia di perdere la sorellina. Le uniche persone che sanno cosa sta affrontando sono Eden e Digby, la sua migliore amica e suo fratello gemello. Lucille ci prova in tutti i modi, cerca di trovare dentro di sè la forza per andare avanti, e proprio quando crede che non ce la farà arriva un aiuto inaspettato, un aiuto che le farà capire che l'amore può avere molti volti...

La storia di Lucille è una storia dai toni dolci/amari, lei e la sorellina si trovano completamente sole dopo l'abbandono della madre. Lucille si ritrova a prendersi carico della piccola Wrenny, è costretta a trovarsi un lavoro per pagare le bollette e in tutta questa baraonda deve anche fingere indifferenza, perchè ha paura che se si venisse a sapere che la madre non c'è più i servizi sociali potrebbero separarla da Wrenny. Eden e Digby sono gli unici che tentano di aiutarla.

Eden è la sua migliore amica da sempre e, a differenza di quella di Lucille, la sua famiglia sfiora la perfezione. Digby è la terza parte del trio, il ragazzo di cui Lucille è infatuata, il ragazzo che però ha già una fidanzata e che conosce Lucille da una vita. I sentimenti che nascono tra i due diventano destabilizzanti per entrambi, specialmente per Lucille che vive già una situazione difficile. Poi all'improvviso Lucille si ritrova la dispensa piena, la casa pulita, i fiori piantati nel giardino e capisce che qualcuno, forse un angelo custode o chi per lui, sa e la sta aiutando.

Ho letto questo romanzo un po' di tempo fa grazie ad una copia che ci è stata inviata in forte anteprima dalla DeA, in poche ore l'ho terminato, risucchiata letteralmente da questa storia così dura ma piena di speranza!
Estelle Laure è una brava scrittrice, con uno stile delicato, scorrevole e molto diretto ci racconta una storia particolare fatta di emozioni forti. La protagonista della storia, Lucille, è una ragazza che di batoste ne ha prese già tante nella vita, prima la pazzia del padre, poi il crollo della madre e infine tutte quelle responsabilità che le sono crollate addosso.

Nonostante tutto Lucille è forte e determinata e riesce, grazie a dei piccoli aiuti, a tirare avanti e a prendere in mano la sua vita cercando di fare il meglio per Wrenny e per sè stessa. La piccola Wrenny è in realtà un'adulta nel corpo di una bambina, fin da subito capisce che qualcosa non va ma riesce a sopportare il peso di quel dolore. Per quanto riguarda Eden e Digby le mie opinioni sono contrastanti, Eden a mio parere avrebbe potuto essere un'amica migliore e Digby poteva evitare di caricare Lucille di ulteriori problemi con la sua confusione riguardo ai sentimenti che prova per lei.

Ho amato invece gli angeli custodi di Lucille e Wrenny, di cui non vi parlerò altrimenti rischio di fare spoiler. Dirò solo che quello che fanno per le ragazze è un gesto bellissimo, un dono prezioso che mostra loro che l'amore può avere tante forme e arrivare quando meno te l'aspetti!
Questa storia non è semplice, è fatta di tante emozioni dolorose e di momenti bui, ma aldilà della tristezza, aldilà del dolore, c'è la speranza, la voglia di non arrendersi e la volontà di superare i momenti difficili e semplicemente ricominciare. Lucille rappresenta proprio questa rinascita, questo rifiorire e riaprirsi alla vita.

L'amore fa da collante a ogni cosa e tiene insieme i fili di questa storia dolce, delicata e così bella. La notte che ho dipinto il cielo è uno YA diverso dal solito, in cui la dura realtà della vita si scontra con il desiderio, con il bisogno di continuare a sognare e a sperare. Una storia emozionante che vi conquisterà! Buona lettura!


"Che senso ha vivere, se non sei disposto a lottare per ciò che di vero hai nel cuore, se non sei disposto a rischiare qualche ferita? Bisogna infuriarsi."

Commenti