13 febbraio 2016

[Recensione] La moglie del califfo di Renée Ahdieh


Buona giornata cari Lettori e buon fine settimana! Durante il mio giro in Libreria ho messo gli occhi su questo libro che ero curiosissima di leggere. Oggi ne parliamo...

La moglie del califfo è un retelling de Le mille e una notte, la celebre raccolta di storie orientali che tutti noi conosciamo. Ci troviamo nel regno di Khorasan, il cui crudele califfo, Khalid, ogni notte sposa una giovane donna e al sorgere dell'alba la uccide, apparentemente senza motivo.
La protagonista della storia è Shahrzad, che spinta dal desiderio di vendetta si offre volontaria come sposa del Califfo. L'obiettivo di Shahrzad è di sopravvivere alla prima notte di nozze e di trovare il modo di uccidere Khalid ponendo fine alle morti.
E Shahrzad ottiene successo, sopravvive alla prima alba e inizia a cercare i punti deboli del Califfo. Ma ben presto la ragazza capirà che non tutto quel che credeva di sapere su Khalid è vero, il giovane Califfo non è il mostro che pensava, è solo un ragazzo che è stato costretto ad agire in quel modo.
Impossibilitata ad uccidere Khalid dopo quello che ha scoperto, Shahrzad cercherà il modo per interrompere quel ciclo di morte una volta per tutte...

Ho iniziato questo romanzo attratta dalle suggestive atmosfere orientali e dalla storia ispirata al bellissimo Le mille e una notte. Devo dire che la lettura è stata soddisfacente e molto intrigante!
Shahrzad è una giovane donna dal carattere forte e indipendente, desiderosa di vendicarsi della morte della sua migliore amica Shiva e di tutte le altre ragazze uccise per mano del Califfo, decide di offrirsi volontaria per fare quello che nessuno ha mai osato pensare: uccidere il Califfo. Ma arrivata al palazzo e sopravvissuta miracolosamente alla prima notte di nozze, Shahrzad scopre che dietro le morti non c'è solo Khalid, ma che lui è solo un'altra vittima di una sanguinosa vicenda che va avanti da troppo tempo.

Infatuatasi dello stesso uomo che era decisa ad uccidere, Shahrzad si trova a fare i conti con sentimenti che non pensava di poter provare per Khalid, e cade trappola del suo stesso piano. Un piano che adesso prevede di porre termine alle morti senza nuocere al Califfo.
La storia narrata dalla Ahdieh è una storia ben scritta, dalle atmosfere magiche e dall'ambientazione affascinante! 

Trovo che sia proprio l'ambientazione il punto forte del romanzo, il mondo di stampo arabo che l'autrice ha creato è meraviglioso, suggestivo e dalle tinte fortemente orientali. Il background della storia è descritto minuziosamente, nulla è lasciato al caso. Le atmosfere che si respirano durante la lettura sono davvero magiche, attraverso le belle descrizioni dell'autrice riusciamo a immaginarci perfettamente i luoghi, i profumi e i sapori che sembrano quasi bucare le pagine del libro e arrivano dritte al lettore!

La storia si lascia leggere molto facilmente grazie ad uno stile scorrevole ma molto elegante e ricco di descrizioni. Il lettore viene immediatamente catturato dalla storia di Shahrzad!
Per quanto riguarda i personaggi devo ammettere che mi sono piaciuti molto: Shahrzad è una bella protagonista, è forte, indomita e coraggiosa; Khalid è un personaggio molto misterioso ma che nasconde molto di più sotto la corazza di sovrano crudele; tra i personaggi secondari ho apprezzato sopratutto Jalal e Despina.

L'unica cosa che mi ha lasciata un po' perplessa è lo sviluppo del rapporto tra Shahrzad e Khalid, l'ho trovato forse un po' troppo improvviso e affrettato, ma la storia che si sviluppa fra i due è comunque molto bella, romantica al punto giusto.
Le storie che Shahrzad racconta a Khalid ogni notte traggono spunto dalla tradizione orientale e sono una più bella dell'altra!
Ho apprezzato ogni risvolto di questa storia, l'ho trovata estremamente originale e ricca di pathos. Non vedo l'ora di leggere il secondo volume di questa storia che sono sicura ha ancora molto altro da raccontare!

Renée Ahdieh è una scrittrice capace di far vivere il lettore nel suo libro, è una narrastorie di grande abilità che ci ha regalato un racconto magico!
Se amate le atmosfere orientaleggianti e le storie ammantate di magia e mistero, allora leggete La moglie del califfo, vi assicuro che lo amerete! Buona lettura!


"Alcune cose entrano nelle nostre vite per lo spazio di un respiro. E dobbiamo lasciarle andare, per consentire loro di illuminare un altro cielo."

2 commenti:

  1. Sono sempre più ansiosa di leggerlo *-*

    RispondiElimina
  2. Ciao, ma che bella recensione!
    Io ho da poco finito di leggere questo libro e devo dire che non sapevo assolutamente che voto dargli (trovi la mia recensione qui ), perché ci sono molti aspetti positivi, come il world-building, Khalid, Despina e Jalal che ADORAVO LETTERALMENTE, la vita di corte e altri piccoli dettagli che erano assolutamente meravigliosi, contrastati da elementi diversi, come la magia buttata a caso, personaggi importanti non caratterizzati, quasi istant-love e Shahrzad soprattutto che invece non ho proprio retto.
    Un libro controverso, ecco, ahah.
    Un abbraccio,
    Rainy

    RispondiElimina