[Anteprime Piemme] La gabbia dei fiori di Anosh Irani - Francesca di Manuela Raffa - Una perfetta sconosciuta di Alafair Burke - La musica del destino di Paloma Sànchez-Garnica


Pagine: 360  Prezzo: € 18,50
Data di uscita: 7 Marzo 2017
Madhu ha avuto molti nomi, molte identità, ma nessuna è mai riuscita a definirla davvero. Nato maschio, diventato eunuco, da sempre con l’anima di una donna, Madhu è una hijra – appartiene al terzo sesso, né maschio, né femmina. Di certo è lei il cuore pulsante di Kamathipura, il famigerato, caotico, infernale distretto a luci rosse di Bombay, anche adesso che ha quarant’anni e, come tutte le hijra, ha smesso di prostituirsi e vive di elemosine ed espedienti, con un posto di riguardo in quella grande famiglia che sono i bordelli del quartiere. I bordelli ai quali ha dato tutta se stessa, con generosità, avidità e calore. E poi un giorno, arriva Kinjal, una bambina di dieci anni venuta dalla provincia, venduta a tradimento da una zia che avrebbe dovuto occuparsi di lei. Una bambina che va preparata al destino che l’aspetta, e verrà affidata a Madhu. E mentre Madhu si accinge al devastante compito che le spetta, forse per la prima volta si ritroverà incapace di controllare le proprie emozioni, abbandonandosi al ricordo di una vita troppo a lungo sospesa tra due estremi, tra l’orrore e l’innocenza, tra gli abusi e l’amore, tra lo squallore e la bellezza. Rischiando di perdere il fragile equilibrio che l’ha tenuta per anni al di qua del male, come una funambola, Madhu cercherà di salvare, in quell’inferno, l’infanzia di Kinjal, tenendola nella sua gabbia come sotto una boule de neige, insegnandole l’amicizia, il sorriso, e la capacità di vedere il bello, sempre.
Anosh Irani, è nato e cresciuto a Bombay e nel 1998 si è trasferito in Canada, a Vancouver. Per Piemme ha pubblicato Il bambino con i petali in tasca che ha riscosso un ottimo successo, conquistando più di duecentomila lettori. Dalla sua grande passione per il teatro sono nate due opere per il palcoscenico premiate dall’Arts Club Theatre Company di Vancouver. È stato finalista al Man Asian Literary Prize.

Pagine: 360  Prezzo: € 18,50
Data di uscita: 7 Marzo 2017
La storia di Paolo e Francesca, relegati nell'Inferno dantesco tra i lussuriosi, ha riempito la bocca degli innamorati nel corso dei secoli. Ma delle due persone nascoste dietro alla fama immortale, si è sempre saputo poco. Manuela Raffa ricostruisce la vita di una donna, le sue passioni, le sue ambizioni, le sue inclinazioni, fino all'ultimo tragico evento; e la trasforma da simbolo dell'amore eterno e peccaminoso a donna in carne e ossa. Francesca da Polenta è una donna fuori dal comune. Lettrice appassionata, dotata di forte intuito anche per argomenti solitamente maschili, fin da giovanissima viene citata dai menestrelli di corte come una delle fanciulle più belle della penisola. Per suo padre Guido, è l'unica donna che valga quanto un uomo, l'unica in grado di tener testa ai suoi discorsi, l'unica il cui destino gli stia a cuore. Ma un uomo di potere sa che il bene del casato vale più dei propri sentimenti. Per questo, quando Giovanni Malatesta gli chiede la sua mano, Guido non riesce a negargliela. È così che, a sedici anni, Francesca da Polenta cede il posto a Francesca da Rimini. Mai avrebbe pensato a un matrimonio senza amore, con un uomo brutto e privo di cultura, ma, contrariamente alle aspettative del padre, accetta la decisione senza ribellarsi. Una vita lontana dal mondo cavalleresco che ama, questo è ciò che si aspetta da quell'unione. Fino al giorno in cui conosce Paolo, il fratello di suo marito. Paolo non solo è affascinante, ma è curioso, colto, pieno di premure e di considerazione per le sue idee.  È l'uomo che avrebbe voluto accanto. È l'uomo che amerà, per tutta la vita. E a causa del quale perderà quella stessa vita.
Manuela Raffa, è nata a Milano nel 1979, dove vive. È laureata in scienze dell’educazione e impiegata presso una società di servizi informatici. Dalla sua passione per il fantasy è scaturita la saga Il Mondo senza Nome (Runde Taarn edizioni). Francesca segna il suo esordio nella narrativa storica.
Pagine: 384  Prezzo: € 18,50
Data di uscita: 14 Marzo 2017
Immagina che la polizia arrivi a casa tua e ti mostri una foto in cui tu – con i capelli di quel tuo rosso inconfondibile, il tuo nuovo cappotto azzurro – stai baciando un uomo. Peccato che quell’uomo sia stato trovato morto trenta ore prima, e tu non ricordi di averlo mai baciato. Anzi, lo conoscevi appena, ci hai parlato due volte in vita tua. Eppure non sai come giustificare quella foto, né hai un alibi per il momento della sua morte: anzi, è stato trovato morto nella tua galleria d’arte, all’alba, e aveva un appuntamento con te. Era il tuo capo, l’uomo che – anche se ti aveva appena conosciuto – ti aveva dato in gestione la galleria per conto di un misterioso proprietario. Ti era sembrato troppo bello per essere vero. Troppo facile. Ma poi tutto era andato in porto, la galleria esisteva davvero, tutto sembrava regolare. Ora capisci che non c’è niente di regolare. Niente di facile. E anzi sta arrivando la parte difficile. Perché là fuori c’è qualcuno che sta cercando di incastrarti. Qualcuno che sa molto più di quanto tu possa immaginare. Qualcuno forse molto vicino a te…
Alafair Burke, autrice de La ragazza nel parco, ha esercitato per 5 anni la professione di avvocato penalista e oggi insegna diritto alla Hofstra Law School. I suoi romanzi sono bestseller del New York Times, elogiati da autori come Michael Connelly e Dennis Lehane. Recentemente ha scritto anche due romanzi insieme all’autrice bestseller Mary Higgins Clark.

Pagine: 432  Prezzo: € 19,50
Data di uscita: 14 Marzo 2017
Marta Ribas aveva tutto per essere felice: amore, amici, prestigio. Ma un giorno, per lei e per la sua famiglia – il marito Antonio, la figlia Elena –, tutto cambia, inaspettatamente e per sempre. Un’amicizia profonda ma sbagliata, quella con il notaio Figueroa, e una lealtà mal riposta precipitano l’intera famiglia nella disgrazia, e sarà Marta a cercare, come la fenice, di risorgere dalle proprie ceneri. In una società ancora antiquata, rappresentata a perfezione dalla moglie del notaio, doña Virtudes, Marta dovrà trovarsi un lavoro, esporsi alle maldicenze, e continuare la sua lotta per la libertà e l’affermazione di sé. Aiutata da una sola, forte passione: quella per la musica. La passione che la salverà, e la aiuterà a trovare, nonostante tutto, il suo posto nel mondo. Ma questa non è solo la storia di Marta. È la storia di due famiglie, i Montejano e i Figueroa, e dei loro destini intrecciati. È l’affresco di un momento della storia spagnola in cui molti cambiamenti si stanno preparando. Ed è soprattutto una saga emozionante, già cominciata con Sulle ali del silenzio, in cui, sullo sfondo di una Madrid magica e atmosferica, si muovono straordinari personaggi, legati dal destino e dalla Storia.

Paloma Sànchez-Garnica, tra le autrici più interessanti e apprezzate del panorama spagnolo, è nata a Madrid e ha studiato giurisprudenza e storia prima di dedicarsi alla scrittura. Ha ottenuto un enorme successo con i romanzi La cattedrale ai confini del mondo e Il gioco segreto del tempo, pubblicati in Italia da Piemme. La musica del destino è la seconda parte della saga La sonata del silencio, dopo Sulle ali del silenzio (Piemme, 2017). Dai due libri è stata tratta una serie televisiva, di grande successo in Spagna e presto in onda anche in Italia.

Commenti