[Recensione] iBoy di Kevin Brooks


Buon pomeriggio cari lettori! Come procedono le vostre letture? Io sto leggendo L'amica geniale di Elena Ferrante e devo dire che mi sta piacendo parecchio, ma ne parleremo meglio in una recensione dedicata. Oggi invece parliamo del nuovo romanzo di Kevin Brooks.

iBoy racconta la storia di Tom Harvey, un ragazzo come tanti che vive in una malsana e violenta periferia di Londra. Vittima di un incidente causato da una delle gang del suo quartiere, quando Tom si risveglia in ospedale scopre di avere nuove e straordinarie abilità. Venuto a conoscenza dell'aggressione subita dalla sua amica Lucy, Tom diventa iBoy, si costruisce un'identità segreta e decide di combattere contro la criminalità che sta pian piano distruggendo il suo quartiere.

Kevin Brooks, dopo il successo ottenuto con Bunker Diary, ritorna in libreria con una storia molto attuale e dai temi interessanti.

Dopo essere stato vittima di un grave incidente, Tom scopre che proprio a causa di quell'incidente adesso ha delle abilità particolari. Per vendicarsi dell'aggressione ai danni di Lucy, la ragazza di cui è innamorato, Tom decide di fare qualcosa, ed è così che nasce iBoy, una sorta di giustiziere che darà del filo da torcere alle gang del quartiere.

Lo stile di Brooks è molto diretto, senza filtri. La narrazione ha un ritmo molto ritmato, quasi adrenalinico, che tiene alta l'attenzione del lettore. La storia affronta dei temi attuali, come la tecnologia e il modo in cui influisce sulla nostra vita, e lo fa in maniera fresca ed originale.

La storia è intrigante, assistiamo alla nascita di una sorta di giovane supereroe che in realtà di eroico ha poco. I suoi motivi, specialmente all'inizio del racconto, non sono dei più nobili, ma man mano anche iBoy imparerà a comportarsi come l'eroe che tutti credono sia.

I personaggi sono ben caratterizzati e la storia si lascia leggere con piacere. Una storia dal ritmo travolgente che reputo adatta specialmente ai lettori più giovani. Buona lettura!

"So tutto.
Ogni cosa.
Sono connesso.
So tutto."

Commenti