[Review Party] Schegge di ricordi (Schegge Series#2) di Monica Lombardi


Buongiorno a tutti miei cari #FeniLettori, oggi esce questo libro meraviglioso, il secondo della serie Schegge. Seppur ricevuto in breve tempo sono riuscita a leggerlo con velocità paranormale ed oggi vi racconto le emozioni che ho provato.

In Schegge di Ricordi continuiamo il percorso e se nel primo libro avevamo visto le barbarie che erano stata compiuta nei confronti di Giulia e Livia, rapite, in questo secondo libro entriamo lentamente nella psiche di Livia, nel suo stato mentale ormai traviato, toccato da violenza, abuso e pressione psicologica e in parte quello dell'amica Giulia.

Livia è una donna ormai fuori di sè, non riesce più a vivere. Sente quella pressione nell'animo e nel cuore che la tiene ancora prigioniera. I suoi occhi sono spenti e  i suoi ricordi sono schegge che piano piano vengono ricostruite, dolorose nella carne entrano come se ancora una volta vivesse e facesse male quell'orrore che ha dovuto subire, da un uomo che l'ha spinta al limite.

Un uomo malato, traviato che cerca di ricomparire e ossessionarla ancor di più.

Una storia forte fatta di racconti, di ricerca e di passato. Livia è un personaggio potente anche se ha subito ed è ancora immersa nella sua gabbia, è una persona bella che non vuole mollare. Ci inoltriamo a piccoli passi nel suo dolore e in punta di piedi lisciamo quella brutalità che le è stata riservata.

Lei cerca di concedere tregua alla sua angoscia ma come apre uno spiraglio una scheggia la colpisce. Piano piano però imparerà a toglierle, grazie anche ai personaggi che le staranno accanto. Il suo amico CJ che ora ricambia il favore di quando erano giovani, il burbero poliziotto Claudio Sereni e a modo suo Claudia.

Una storia intensa che attraversa l'inconscio umano, facendoci subire le pene dei protagonisti, le loro storie e le loro paure. Pagina dopo pagina, con una scrittura scorrevole e decisa, l'autrice ci conduce alla verità.

Commenti

  1. Grazie Rosa! <3
    Livia è stato un personaggio potente, anche per me. Forte, quasi indistruttibile, pur nella sua fragilità. Sono molto felice di aver raccontato la sua storia.
    Un abbraccio e a presto!

    RispondiElimina

Posta un commento