[Recensione] Gemelle imperfette di Affinity Konar

Buona giornata cari Lettori! Siamo appena a metà Giugno e il caldo mi ha già stufata, se continuiamo così prevedo una partenza per l'Islanda! Comunque, bando alle chiacchiere e passiamo alla recensione di oggi.

Gemelle imperfette racconta la storia di Stasha e Pearl, due gemelle ebree di 12 anni che, dopo essere state deportate, finiscono nel campo di concentramento di Auschwitz. Essendo gemelle, vengono selezionate per lo Zoo di Mengele, diventano cavie e vengono sottoposte a esperimenti che somigliano sempre più a torture. Un po' di tempo dopo Pearl sparisce, nessuna sa dove sia finita, Stasha è disperata e spera che la sorella sia ancora viva. Quando la guerra è ormai agli sgoccioli e l'Armata Rossa arriva ad Auschwitz, Stasha parte per la Polonia insieme a Feliks, sperando di ritrovare Pearl e allo stesso tempo inseguendo la vendetta contro Mengele.

Chi segue il blog conosce la mia passione per i romanzi ambientati durante la seconda guerra mondiale e specialmente quelli incentrati sul nazismo e sulle storie dei sopravvissuti ai campi di concentramento. La storia raccontata da Affinity Konar si concentra su uno degli episodi più brutali e crudeli della storia del nazismo, gli esperimenti di Mengele ai danni di bambini innocenti.

Stasha e Pearl rappresentano una piccola parte delle centinaia di persone che Mengele sfruttò come cavie per i suoi esperimenti disumani. Dopo il loro arrivo ad Auschwitz, le gemelle vengono immediatamente inserite nel programma del Dottore e iniziano a sperimentare torture e crudeli esperimenti. Quando Pearl sparisce, Stasha non sa cosa pensare, è difficile andare avanti senza la sua metà; così, quando la guerra termina, Stasha decide di partire per la Polonia decisa a fare in modo che Mengele paghi per quello che ha fatto.

Ho letto questo romanzo in breve tempo affascinata dal racconto a due voci delle due gemelle. La Konar scrive con grande eleganza e riesce facilmente a trascinare il lettore nella storia. Oltre alla parte storica che ho ovviamente molto apprezzato, credo che un punto forte del romanzo sia l'analisi del rapporto gemellare. Ho trovato molto intenso ed emozionante il rapporto tra Stasha e Pearl, credo che l'autrice sia riuscita perfettamente a coglierne l'essenza più profonda.

I racconti delle gemelle sullo Zoo di Mengele sono a tratti agghiaccianti. Ho letto tanti libri sui campi di concentramento, ma leggere delle torture che subivano narrate da delle ragazzine è ancora più doloroso e scioccante. La Konar ha scritto un bellissimo romanzo che tenta di far luce su un episodio storico che conosciamo bene ma che in questo caso ci viene narrato dando maggior spazio al lato psicologico della vicenda e quindi rendendolo molto più emozionante e vicino. Buona lettura!

"Nessuno si guarda indietro. Il mondo non si guarderà mai indietro. E se anche lo farà, con ogni probabilità dirà che in realtà non è mai successo."

Commenti

  1. deve essere un libro davvero intenso! me lo segno!:)

    RispondiElimina

Posta un commento