22 giugno 2017

[Recensione] Il giorno che aspettiamo di Jill Santopolo


Buon pomeriggio cari Lettori! Come state? Io combatto costantemente col caldo a colpi di ventilatore e integratori vari! Intanto proseguono le mie letture, oggi parliamo di un romanzo molto emozionante.

Il giorno che aspettiamo racconta la storia di Lucy e Gabe. La loro storia inizia l'11 Settembre del 2001, mentre il loro mondo cade a pezzi, Lucy e Gabe si trovano e si innamorano. Il sentimento che li lega è qualcosa di così forte e travolgente che sembra poter vincere su tutto. Ma Gabe ha dei sogni, vuole fare qualcosa per quel mondo che ha visto iniziare a cambiare quell'11 Settembre. Così parte per l'Iraq come reporter rinunciando al suo amore e abbandonando Lucy. Lucy si ritrova a ricominciare da sola, aiutata poi da Darren, l'uomo che sposerà e con cui costruirà una famiglia. Ma il sentimento che la lega a Gabe non svanirà mai, resistendo agli anni e alla lontananza, rimanendo sempre quel tipo di amore che tutti cercano disperatamente di trovare.

Ho letto questo romanzo in qualche ora, catturata dalla storia drammatica e dalla meravigliosa ambientazione newyorchese. La Santopolo ha scritto una storia d'amore emozionante che farà breccia anche nel più duro dei cuori!

Lucy e Gabe si conoscono l'11 Settembre del 2001 durante l'attacco alle Torri gemelle. Sentono immediatamente una particolare sintonia che ben presto si trasforma in amore. Ma l'11 Settembre segnerà per sempre anche la loro vita, specialmente quella di Gabe che decide di partire per l'Iraq come reporter per mostrare alle persone quello che accade nel mondo.

Gabe parte e Lucy si rifà una vita con Darren, ma il suo primo amore non verrà mai rimpiazzato. Anno dopo anno, nonostante la lontananza, il loro sentimento non svanisce, anzi ogni volta che si rivedono sembra riaccendersi forte come un tempo. Lucy e Gabe sembravano essere fatti l'uno per l'altra, ma la vita li ha portati a fare scelte molto diverse che li hanno portati su strade opposte. Ma cosa sarebbe successo se uno dei due avesse rinunciato ai suoi sogni per quell'amore? Lucy non può saperlo, così lo chiede a Gabe in una lunga lettera in cui ripercorre la loro storia d'amore.

Ambientato tra il 2001 e il 2004, Il giorno che aspettiamo è un romanzo particolare narrato sotto forma di lettera. E' Lucy in prima persona a raccontarci della sua storia con Gabe, di quell'amore folle e inaspettato che li travolge completamente. Lo stile dell'autrice è molto delicato, scorrevole e particolarmente evocativo. La narrazione si segue con facilità mentre seguiamo i due protagonisti nelle varie fasi della loro vita.

I due personaggi principali sono fantastici, entrambi sono perfettamente caratterizzati e molto realistici. Lucy è una donna che ha dovuto rialzarsi dopo una profonda ferita, ma non ha mai perso la speranza. Gabe è semplicemente meraviglioso, è un personaggio forte e fragile allo stesso tempo, appassionato e carismatico. E' il genere di persona che quando entra in una stanza attrae l'attenzione di tutti.

La loro storia d'amore è narrata in maniera magistrale, non è mai sdolcinata nè poco realistica, è una storia di folle passione e di amore irrazionale, quel genere di amore che capita una volta nella vita e che ti cambia per sempre. Ma per quanto forte sia quel sentimento, non riesce a tenerli insieme. Gabe va via, Lucy si sposa con un altro. Eppure quell'amore resta lì, sopito in un angolo, pronto a risvegliarsi. Perchè Lucy e Gabe sono anime gemelle, si completano a vicenda, si comprendono con uno sguardo, si amano per quel che sono e si sostengono sempre.

La storia è drammatica fino in fondo, io l'ho trovata davvero bella ed emozionante. L'amore tra Lucy e Gabe è percepibile, si sente quasi bucare le pagine e arrivare al lettore. Amore e odio, forza e fragilità, guerra e arte si mescolano in un romanzo che vi catturerà e vi lascerà con un groppo alla gola e un peso sul cuore. Buona lettura!

"Mi hai insegnato a cercare la bellezza. Nell'oscurità, nella distruzione, tu hai sempre trovato la luce."

Nessun commento:

Posta un commento