[Recensione] Firebird-La caccia (Firebird, #1) di Claudia Gray

Buonasera cari #FeniLettori! Oggi è stata una giornata orrenda, ma il traguardo di 2.000 mi piace sulla pagina fb mi ha rallegrato, dopo tanti sacrifici. 5 anni, 800 recensioni, più di dieci rubriche e tantissime anteprime siamo riuscite ad ottenere parecchi riconoscimenti sui nostri SOCIAL. Tornando a noi, stasera parliamo di un bellissimo libro, che mi ha lasciata senza parole.

Firebird "La Caccia", in inglese A Thousand Pieces of You scritto da Claudia Gray con una copertina originale estremamente meravigliosa ma anche la scelta della nostra Casa Editrice Harlequin Mondadori è favolosa e sta sfornando dei titoli meravigliosi, oltre ogni immaginazione. Plausi anche alla disponibilità nei nostri confronti e all'importanza che ci donano come Blogger.

La storia è avventurosa, spietata, pregna d'amore. Marguerite Caine la protagonista è un elemento fondamentale, ponderante e delineato in maniera forte e decisa. I protagonisti sono elegantemente dispiegati e si mostrano in maniera delicata e alternata. Le parti sono ben equilibrate e la trama che si è venuta a creare è degna di un Premio Oscar.

Dopo la morte del padre, un famoso scienziato che stava lavorando ai dispositivi spazio temporali, Marguerite si ritrova in un mare di disperazione, sola e senza un appiglio si richiude contro il suo dolore e l'uomo che l'ha ucciso. Theo uno degli assistenti dei genitori propone però alla stessa di vendicare il padre e "saltare" attraverso le varie dimensioni per riuscire a rintracciare Paul, un altro suo assistente che si creda abbia ucciso l'uomo.

Non c'è che dire, la trilogia inizia con il piede giusto e così tutta la storia. Il libro principalmente segue due filoni e due epoche - dimensioni ben diverse quella in cui Marguerite e la sua famiglia vivono in Russia nell'800 e quella in cui si ritrova in una Londra futuristica, qui si verranno a creare vari e infiniti intrecci. I salti continuano in altre dimensioni ma in maniera più celere. L'ultima dimensione è particolare e meravigliosa, a mio avviso, anche se non disdegno quella della Russia di tanti anni fa, per quel tocco di eleganza e raffinatezza che contraddistingue quell'epoca.


Non ci sono salti temporali, non c'è confusione ma viene esposto tutto in maniera chiara e lineare; la scrittura della Gray è semplice, d'impatto e precisa. Riesce a modificare e estrapolare il meglio da ogni dimensione e dai relativi personaggi che la seguono. I caratteri contrastanti dei due protagonisti, li fanno amare e odiare allo steso tempo. Mescolano quell'infinito istante di amore verso la loro persona e una certa indecisione sulla scelta.

I Firebard (da cui prende anche il titolo il libro e la stessa saga) sono dei ciondoli a forma di scarabeo, inventati per spostare solo la massa eterea della nostra persona e non tutto il corpo, un' idea geniale che la nostra autrice, ci ha esposto sapientemente. Ma non voglio dirvi altro ...è un libro che va letto, sentito e amato.

Un libro impavido ma allo stesso tempo perfetto con una storia d'amore oltre ogni dimensione.



Commenti

  1. Questo libro non mi convinceva molto ma, leggendo la recensione, ora ho una gran voglia di intraprendere questa lettura!

    RispondiElimina
  2. Stupendo. Non c'è altro da dire! Avevo già adocchiato questo libro dalle prime uscite su internet. La copertina era stupenda e la trama mi lasciava senza fiato. E ora questa recensione. Deve essere mio!!

    RispondiElimina
  3. Un libro impavido ma allo stesso tempo perfetto con una storia d'amore oltre ogni dimensione. Ecco la frase dice tutto. oltretutto, quando lessi l'anteprima qui da voi io rimasi così O_O . perche e veramente un libro che merita spero di comprarlo presto

    RispondiElimina

Posta un commento