[Recensione] Vorrei che l'amore avesse i tuoi occhi di Diego Galdino


Buon pomeriggio cari Lettori!
Oggi parliamo dell'ultimo romanzo di Diego Galdino...

Vorrei che l'amore avesse i tuoi occhi racconta la storia di Tyron Lane, un famoso pittore australiano che viene incaricato di dipingere una serie di tele che raffigurano Cetona, un piccolo paesino della Toscana. Tramite la sua agente, trova ospitalità presso la famiglia Ferretti che mette a sua disposizione parte della loro casa.
L'arrivo del pittore mette in subbuglio l'intero paesino, ma ben presto l'entusiasmo si smorza a causa dell'atteggiamento schivo, solitario e ai limiti dell'educazione di Tyron. L'uomo troverà pane per i suoi denti con Sofia, la figlia dei Ferretti, che sin dal primo momento in cui l'ha incontrato ha deciso che non gliela darà vinta. Ma le apparenze ingannano e oltre la coltre di mistero che lo avvolge, Sofia scoprirà che in realtà Tyron è fondamentalmente solo un uomo ferito e impaurito dai legami; forse lei con la sua solarità, la sua voglia di vivere, riuscirà a farlo riaprire alla vita e all'amore...

Questa è la prima volta che mi misuro con un romanzo di Diego Galdino, ne avevo sempre sentito parlare bene e ora che finalmente ho avuto l'opportunità di leggere uno dei suoi scritti, posso tranquillamente affermare che non mi ha delusa affatto!


Tra i borghi antichi e gli affascinanti paesaggi della campagna toscana ci troviamo a leggere una storia genuina, semplice ma satura di emozioni!
Sofia e Tyron sono due persone molto diverse ma accomunate da delle esperienze negative avvenute in passato, Sofia però è coraggiosa, nonostante le brutte esperienze non ha paura di buttarsi a capofitto in qualcosa di nuovo. Tyron invece ha paura, così tanta paura di soffrire ancora che ha deciso di escludere tutto e tutti e di vivere una vita quasi da eremita.

All'inizio i due fanno scintille, si punzecchiano e mal sopportano la compagnia altrui, ma pian piano conoscendosi iniziano a scoprire che quell'essere così diversi l'uno dall'altra non fa altro che avvicinarli ancor di più. In un crescendo di emozioni Galdino traccia una storia d'amore delicata, matura e mai banale o troppo smielata!
Ho apprezzato molto la caratterizzazione dei personaggi, non solo dei protagonisti ma anche di chi li circonda. Lo stile è estremamente scorrevole, nonostante le numerose descrizioni e uno stile molto riflessivo non ci sono punti morti nel romanzo, la narrazione scorre velocissima e quasi non ci si rende conto di essere arrivati al finale!

Un altro punto a favore è l'ambientazione, le descrizioni del luogo sono fatte benissimo tanto da riuscire a immaginare esattamente i luoghi che fanno da sfondo alla storia!
Ho trovato molto interessante il modo in cui i personaggi maturano e arrivano a fare delle scelte consapevoli e coraggiose. L'amore, protagonista essenziale, riesce a superare ogni difficoltà e, attraverso le parole dell'autore, a uscire fuori dalle pagine conquistando il cuore dei lettori! Buona lettura!  


Non si deve amare per abitudine, per convenienza o perchè non vuoi vedere l'altro soffrire...Devi amare perchè non puoi farne a meno.

Commenti

Posta un commento