[Recensione] L'estate che ammazzarono Efisia Caddozzu di Marisa Salabelle


Buona giornata cari Lettori! Oggi parliamo di un romanzo ambientato tra la Sardegna e Pistoia...

Efisia Caddozzu è una maestra elementare di origine sarda trasferitasi con la famiglia a Pistoia.
Il 25 Luglio, giorno di festa per la città di Pistoia, due ragazzini trovano il cadavere di una donna gettato in un fosso, dopo lunghe indagini si scopre che quel cadavere appartiene proprio ad Efisia, scomparsa da alcune settimane.
Non si capisce però chi possa aver ucciso quella donna che sembrava così tranquilla e dedita alle buone azioni. Le indagini si concentrano su un giovane albanese che Efisia aveva conosciuto durante le ore di volontariato, ma il giovane sembra essere scomparso. In una narrazione a cavallo tra passato e presente viene svelata la vera identità di questa donna e sopratutto la sconcertante verità sul suo omicidio...


Un romanzo che ripercorre la vita di una donna iniziando dagli albori della sua vita, passando per l'adolescenza vissuta tra la Sardegna e Pistoia e infine con la vita adulta vissuta tra dolori, solitudini e un finale infelice.
Efisia è un personaggio particolare, fin dall'inizio è ben chiaro che non è una donna come le altre. Costretta ad accudire il padre malato, trova soddisfazione non solo nel suo lavoro di insegnante, ma anche con il volontariato a cui dedica tutto il tempo che può.

La storia inizia con la sua morte e con le indagini per scoprire l'identità dell'assassino. Pian piano l'autrice ci narra tutta la storia di Efisia, svelando ad ogni capitolo nuovi particolari che fanno emergere il quadro di una donna combattiva, indipendente e poco avvezza alle convenzioni sociali.
La narrazione è scorrevole, lo stile è asciutto, pulito ma allo stesso tempo molto elegante. La storia diventa sempre più intrigante con il passare delle pagine, perchè Efisia non è quella che tutti pensavano e sopratutto il suo omicidio nasconde degli scenari inaspettati.

La storia della Salabelle racconta una vicenda provinciale con estrema maestria; i personaggi sono ben caratterizzati e ho molto apprezzato il modo in cui viene portata avanti la vicenda.
Nella storia sono presenti anche numerose riflessioni su temi sociali importanti, in primis sul tema immigrazione, forse il più attuale e meglio sviluppato.
Una storia tra il mistery e il thriller dal sapore un po' retrò, il cui finale vi lascerà a bocca aperta! Buona lettura!  





Commenti

  1. Non è il mio genere ma desta curiosità :)

    RispondiElimina
  2. Una storia tra il mistery e il thriller? allora sara aggiunto in lista senza pensarci due volte, molto bella la recensione

    RispondiElimina
  3. Io l'ho letto e mi è molto piaciuto.
    Lo consiglio vivamente a tutti.

    RispondiElimina
  4. Io l'ho trovato molto interessante. Mi è piaciuto subito. Lo consiglio vivamente a tutti.

    RispondiElimina
  5. Io l'ho letto e mi è molto piaciuto.
    Lo consiglio vivamente a tutti.

    RispondiElimina
  6. A me piace tantissimo! Lo aggiungo subito in lista! :) Grazie :*

    RispondiElimina
  7. Se devo essere sincera, il titolo non mi ha mai ispirata, perciò mi son sempre fermata lì e non ho neanche letto la trama.. ma devo ammettere di aver sbagliato, perchè questo libro è davvero interessante ed è proprio il mio genere :)

    RispondiElimina

Posta un commento