[Recensione] Basilicò di Giulio Macaione


Buona Domenica cari #FeniLettori! Oggi parliamo del nuovo graphic novel di Giulio Macaione edito Bao Publishing.

Basilicò (con l'accento sulla ò) parla dei drammi di una famiglia siciliana, a capo di essa Maria Morreale una vedova, che ha cresciuto cinque figli, radicata nella sua cultura di matriarca e donna forte del sud cresce cinque anime indolenti ognuno con i propri difetti e ossessioni. Questa Graphic Novel è una finestra sulla Sicilia, bella e spudorata, con i suoi colori, sapori e odori, ci lascia esterrefatti e rabboniti da tanto amore. Giulio Macaione è riuscito a coglier perfettamente le fattezze di una terra sua  che sente nel cuore.

La storia ci viene presentata dalla protagonista Maria, già morta, a ritroso nel tempo. Attraverso il passato ci riporta indietro narrandoci la sua vita, come è stata, i problemi che ha avuto, i dolori che ha subito. Attraverso schizzi ben definiti viene raffigurata la sua vita precedente come una donna felice, in un primo tempo, nei toni color seppia che arricchiscono la narrazione retrò, poi indolente per i problemi del marito in una Sicilia gretta e dalle malelingue ma Maria non è una donna che si arrende.

La storia si alterna e ci vengono presentati i suoi figli, tutti diversi con sfumature varie e che colgono l'essenza di tutti i figli di oggi, con i difetti e la bellezza di essi. Ogni capitolo ci riporta a uno di loro e come tutti indistintamente, abbiano sofferto per la mancanza di una figura dolce e sensibile come quella del padre, il suo sostegno e la sua volontà sono venuti meno in tutti, provocando svariati problemi di autostima.

Il Basilico quella pianta che ha milioni di proprietà curerà tutti, come ha creato qualcosa di unico in ognuno di loro e come va a concludere il cerchio con qualcosa di drammatico (e non vi svelerò cosa).

Oltre a un quadro ampio e ben descritto, l'autore ci delizia inserendo per ogni storia una ricette, semplice ma efficace, contenenti tutte un pizzico di basilico, andando a radicare e incastrare la cultura di Maria proprio nella cucina, un'arte che se appresa può essere fondamentale. Squarci di ricette ci deliziano e rendono la storia ampia e bella.
L'autore ha saputo destreggiarsi sapientemente scrivendo una storia fluida di tutto rispetto, con i suoi sapori radicati in una classica terra del Sud, con le sensazioni e le problematiche moderne, l'amore di una mamma troppo apprensiva, la volontà di un figlio di crescere e un altro di evadere, la voglia di supporto e il mancato amore di un padre. Tutto in questa storia ha il sapore del basilico intenso e forte, dal gusto dolce e spudorato.

Il passato può influire sul futuro, una vita intera non basta per liberarsi dei propri sbagli. 

Commenti