[Rubrica: Italian Writers Wanted #63] Fuoco cuore Acqua (Caserma 17) di Simona Diodovich - Come un'isola di Monika M. - La lista di Flo di Cristina Zanetti - Il confine del buio di Pierluigi Fabbri e Fabrizio Fangareggi - Il blocco dello scrittore di Giulia Annibale


Buongiorno miei cari #FeniLettori, sessantatresimo appuntamento con la rubrica "Italian Writers Wanted". Ogni giorno, riceviamo tantissime e-mail , molte di autori emergenti e non, in self o di piccole case ed. Abbiamo sempre dato il giusto spazio a tutti ma da oggi abbiamo deciso di creare una rubrica che racchiuda tutte le segnalazioni (di libri già usciti o che ancora dovranno uscire) che ci mandate. Di volta in volta, ogni settimana, presenteremo un massimo di cinque autori...sperando di farvi cosa gradita. Buona Lettura!
Pagine: 228 Cartaceo: 10,40€
Editore: Self-Publishing
Uscita: 25 Giugno 2016
Ella Rhodes viene trasferita alla caserma 17, sarà la nuova segretaria dei vigili del fuoco. Non voleva accettare a dir il vero, ma era tanta la voglia di tornare nell’unico posto che lei può chiamare casa.
James Calver Matthews è tenente della squadra e ha buoni motivi per non volerla lì con loro. Lei era la fidanzata di suo fratello che ora non c’è più. Vederla gli ricorda ogni momento che Jared è morto adempiendo al suo dovere di vigile del fuoco. La sua dolcezza lo metteva in crisi. Non era il periodo adatto per scombussolargli la vita con il suo arrivo, aveva già tra i piedi il sostituto del fratello che odia a morte.
L’elenco delle situazioni negative si allunga di secondo in secondo.
Allora perché ogni volta che la vede si sente irritato e, al tempo stesso, desidera starle vicino?

Finalmente siamo alla resa dei conti su una storia che dura da dieci anni e tutto può andare storto fino all’ultimo minuto. Caserma 17: l’altoparlante annuncia un incendio e tutti escono per proteggere le persone. Ci sarà tempo per risolvere le questioni d’amore. Forse, se non è troppo tardi.
Simona Diodovich nasce a Milano il 17 Aprile 1969, studia come grafica pubblicitaria diventando poi illustratrice a Canale 5 disegnando cover di cd e dvd per A.Valeri Manera. Ha ventisette anni d’esperienza lavorativa nell’editoria. Ho lavorato con Arnoldo Mondadori per il Tv sorrisi e Canzoni, con le cover dei cd dello zecchino d’oro. Per la Medusa Video le cover delle videocassette di Lupin III. Persino con la LysoForm per un giornalino per i bambini sull’igiene, oltre le varie case editrici italiane. 
Pagine: 149 E-book: 1,49€
Editore: Lettere Animate
Uscita: 9 Giugno 2016
Come un’isola è forse scritto unicamente per noi donne , noi donne che ci amiamo così tanto da saper amare in modo unico, senza però tradirci mai . E’ una storia d’amore non convenzionale, complessa, forse malata, tenace , che rivela la fragilità e la forza stessa della protagonista. E’ un invito a darci una possibilità anche quando tutti i segnali indicano pericolo, vivere un amore sapendo che si verrà feriti non per ingenuità ma per coraggio, vincendo la paura del dolore che sappiamo arriverà ma che sarà nulla confrontato ad una assenza di rimpianto. E’ consapevolezza di sé, è controllo, è scelta . Lucrezia , la protagonista, allineerà la sua vita a quella di Victor convinta di poter, come sempre nella sua vita, controllare tutto . Nulla sarà più diverso da ciò che lei aveva pianificato fino a conoscere la travolgente ribellione, fiera del suo orgoglio ingaggerà una guerra con il suo stesso cuore per non concedersi ad un amore non corrisposto . Si tufferà volontariamente in due occhi crudeli e belli sapendo che vi troverà la morte per annegamento, consapevole che quel che dopo l'aspetterà non sarà più vita , ma sopravvivenza scandita da una inguaribile mancanza, dettata però dalla libertà della scelta fatta . Siamo spesso schiavi dei nostri limiti , ma quanto di noi siamo disposti a tradire per oltrepassarli ? << Non bisogna mai partire da un risultato , se lo facessimo tutto sarebbe falsato , ogni gesto e pensiero mutato dal desiderio di giungere dove si è stabilito e non dove veramente siamo attesi... sei enigma e mistero che vivrò per sempre o forse mai più... >> 
Monika M. nata a Roma nel 1976. Molti mi chiedono perchè io usi uno pseudonimo , ebbene  ,credo che per esser totalmente sinceri nella scrittura non ci si debba curar del giudizio altrui con una maschera la mente si libera da inutili fardelli ,inoltre  credo  si debba legger senza preoccuparsi di CHI dice , quanto  del COSA ...Scrivo perchè la mia anima da sempre è intrappolata in ambientazioni di epoca Vittoriana , in romanzi le cui pagine sono ancora intrise di passione e desiderio ed è lì con la mia scrittura che amo tornare , se il mondo me ne priva , la mia fantasia se ne impossessa ribelle , ancora ed ancora ....Amo il Medioevo tanto quanto il Rinascimento ... la luce può esser percepita unicamente a contrasto con l'oscurità . Non bramate di conoscermi , ho un caratteraccio , armatura indispensabile per anime fragili .
Pagine: 193 E-book: 4,99€
Editore: Indies G&A
Uscita: 7 Giugno 2016
Flo, un’ex insegnante di Lettere dall’energia inesauribile, sente crescere l’indignazione per la dilagante indifferenza umana e si chiede: il mondo è sempre stato così o è peggiorato? Quello che vede ogni giorno attorno a sé è preoccupante, non c’è limite all’escalation delle cattive azioni, piccole e grandi. È d’accordo con Einstein: quando si tratta della verità e della giustizia, non c’è distinzione fra i grandi problemi e i piccoli, perché i principi che regolano l’agire sono indivisibili. Così Flo si pone un obiettivo: fare dell’umanità un posto migliore. Subito, senza perdere altro tempo. Decide quindi di dedicare anima e corpo alla bonifica del genere disumano. Ma questa volta non può agire d’impulso, deve incanalare la rabbia prima osservando, annotando e analizzando, poi progettando. La rieducazione, per essere efficace e duratura, deve essere servita fredda. E deve essere personalizzata, studiata caso per caso: chi non raccoglie gli escrementi del cane, chi non rispetta il turno in fila, chi guida come un pazzo mettendo a repentaglio la vita degli altri, chi usa gli spazi verdi come discariche personali, chi bulleggia, chi maltratta, chi molesta. L’elenco aumenta di giorno in giorno. E allora, qual è la ricetta di Flo? Ragione, fantasia e sprezzo del pericolo. Il piano di rieducazione collettiva richiede, infatti, una buona dose di coraggio, rivelandosi fin da subito un’avventura non priva di rischi. Dapprima solitaria somministratrice di lezioni esemplari, è presto affiancata da una squadra fedele e affiatata. C’è Vanda l’astronoma musicista, la postina Ornella che parla in dialetto – sfondo della riabilitazione generale è la bellissima Bologna – la rock band delle Still Alive, Felice il teologo, Altero lo chef, Sebastiano il fotografo e una ditta male assortita di traslocatori. Ci sono anche Giulio Cesare e Cleopatra che, non potendo fornire un aiuto concreto perché appartenenti a un’altra specie, seguono gli eventi in diretta telepatica e a modo loro sono onnipresenti. Mentre il programma è incrementato con successo e le operazioni si fanno sempre più spericolate e stravaganti, la squadra subisce l’interferenza dell’ispettrice di polizia, Vanessa Paternale. Del resto, c’era da aspettarselo. Ma le motivazioni di Flo sono sacrosante e fare marcia indietro sarebbe imperdonabile. Extrema ratio, come dicevano i suoi adorati maestri latini! E poi c’è un caso grave, per il quale bisognerebbe mettere in campo uno spiegamento di forze superiore alle sue. Le dispiace solo di avere messo a repentaglio il clan, in particolare Vanda, insostituibile compagna di vita agreste e comproprietaria del casolare sui colli nel quale vivono. Ma Vanda non abbandonerebbe mai quella matta di Flo, per ragioni... astronomiche: il Pianeta Blu sembra un bel posto, visto dallo spazio, ma in realtà è uno strazio. Anche la detective dovrà scegliere da che parte stare. E non è detto che Giulio Cesare e Cleopatra staranno sempre lì a guardare.
.
Cristina Zanetti è autrice di due precedenti romanzi, Stop Movie. L’ingrato compito di vivere al passato e Odissea. Cronache d’incoscienza e di vita estrema, editi da Cicero. È programmatrice cinematografica del festival Immaginaria e del festival MIX Milano e cura il blog dedicato alla produzione artistica delle donne.
Pagine: 242 Cartaceo: 16,90€
Editore: David and Matthaus
Uscita: 3 Giugno 2016
Thomas FitzAlan ha vent'anni, è già vescovo e sembra destinato a percorrere senza fatica la carriera riservata al terzogenito del Conte di Arundel, uno degli uomini più potenti d'Inghilterra. Ma Thomas, più abituato alle aule e alle taverne di Oxford che alle navate di una cattedrale, ha altri piani per il suo futuro. Quando riceve la convocazione dell'Arcivescovo di York, i suoi sentimenti sono contrastanti. Se, da un lato, quel viaggio si presenta come una seccatura imprevista che lo allontana da Joan, il grande amore della sua vita, dall'altro appare anche come la possibilità di trovare un nuovo importante alleato. L'incarico dell'Arcivescovo, l'arduo e pericoloso viaggio fino a un monastero dal quale non giungono più notizie, cambierà la sua vita e lo costringerà a scoprire fino a che punto è disposto a spingersi, quale confine è pronto ad attraversare, per ottenere quello che vuole.
Fabrizio Fangareggi è nato a Modena, dove è cresciuto e abita insieme alla moglie Elena, lavora per vivere e scrive per necessità sin dall’età della ragione. Da sempre innamorato di letteratura e cinema, dopo la maturità si diploma al Corso di Regia e Sceneggiatura all’Accademia Nazionale del Cinema. Vincitore del “Fantasy Horror Award” si classifica tra i vincitori in diversi concorsi letterari tra cui il “Trofeo La Centuria e la Zona Morta” e “Carabinieri in Giallo 2015”. “Il momento esatto” è inserito nella raccolta “365 racconti sulla fine del mondo” e “Ricetta di Natale” nella raccolta “365 racconti di Natale”, entrambi editi da Delos Book. È possibile leggere altri suoi scritti su alcuni numeri della rivista digitale “Storie Bizzarre” e sulla rivista “Il Lettore di Fantasia” continua il racconto a puntate “L’ultimo soldato”. Il suo primo romanzo “Ekhelon – Frammenti di Guerre Dimenticate” è pubblicato per il marchio editoriale Nocturna della GDS Edizioni e si aggiudica il primo posto al Premio Letterario Nazionale Cittadella 2014. Nel 2014 entra a far a parte dell'associazione Worlds SF Italia. "Quel che resta di niente" è pubblicato nel 2015 da Wizards & Blackholes. E sempre nel 2015 diventa socio effettivo dell’Associazione culturale “I Semi Neri”. A giugno 2016 esce per David and Matthaus il suo nuovo romanzo “Il confine del buio”, un thriller medievale scritto a quattro mani con l’amico e collega Pierluigi Fabbri.

Pierluigi Fabbri, assicuratore, è appassionato di Storia sin dall'infanzia. Scrive racconti storici e fantastici, tra i quali alcune fan fiction molto seguite. È stato nella giuria dei premi letterari reWritten nel 2004 e (secret) Unveiled nel 2005, organizzati da KULT Underground/KULT Virtual Press, il secondo con la sponsorizzazione di Edizioni Clandestine. “Il confine del buio”, un thriller medievale scritto a quattro mani con l’amico e collega Fabrizio Fangareggi è il suo primo romanzo, pubblicato a giugno 2016 per David and Matthaus.
Pagine: 172 Cartaceo: 13,00€
Editore: Augh!
Uscita: Giugno 2016
Miranda è una giovane studentessa, frequenta l’università ed è da sempre appassionata di scrittura. Le sue ambizioni sono grandi: diventare una stella della letteratura e lasciare ai posteri il suo capolavoro immortale. Convinta di serbare dentro di sé la sacra fiamma dell’arte, nel quotidiano si trova invece a fare i conti con una realtà a dir poco frustrante: il blocco dello scrittore. Un portatile aperto, una pagina bianca, un cursore lampeggiante e nulla più.
Un giorno improvvisamente, dopo aver incontrato dei misteriosi venditori di libri e aver ricevuto in regalo un inquietante segnalibro, nella vita di Miranda ricompaiono i personaggi da lei inventati anni prima, creature che popolavano i suoi racconti mai finiti e abbandonati nelle pagine ingiallite di vecchi quaderni. Saranno loro, il Principe Lucertola, la Banshee, i Mastini, i Kappa e tanti altri, ad accompagnare la ragazza in un viaggio avventuroso, magico e liberatorio, nelle ombre del proprio cuore.
Giulia Annibale, classe 1991, veneziana, ha studiato Lingue orientali presso l’Università Ca’ Foscari, dove si è laureata nel 2014. Attualmente lavora in una libreria e gestisce un blog. Il blocco dello scrittore è il suo primo romanzo.

Commenti

Posta un commento